sabato 21 aprile 2018

PROMOZIONE Una finale per la salvezza

Per il Guidonia si tratta di una "finale salvezza". Domani contro il Salto Cicolano la squadra del mister Roberto Alberghini si gioca molte delle sue possibilità di conquistare la salvezza diretta nel campionato di Promozione, evitando così la lotteria dei play out.
Calcio d´inizio al "Fiorentini" di Montecelio alle 16 e 30 con ingresso completamente gratuito. Arbitro dell´incontro il signor Mattia Piccolo di Aprilia, assistenti Mattia Coticoni di Roma 1 e Ruben Celani di Viterbo.
Da tutte e due le parti assenti per squalifica. Per il Guidonia fermato dal Giudice Sportivo il difensore Graziano Talone, nel Salto Cicolano restano a casa Leonardo Maceroni e Matteo Ranieri.
Il precedente dell´anno scorso parla di una vittoria del Salto Cicolano per 2-1, in una gara condizionata da un rigore sbagliato da parte del Guidonia.
Queste le parole di Roberto Alberghini alla squadra durante la rifinitura: "La tensione che si respira negli allenamenti è normale, ma dobbiamo essere bravi a trasformarla in energia positiva. E´ un peccato vedere soffrire ancora una squadra che gioca così bene. Solo noi possiamo uscire da questa situazione, ma dobbiamo aiutarci l´uno con l´altro per riuscirci. Dobbiamo essere superiori a qualsiasi difficoltà e giocare serenamente perché solo così possiamo riuscire nel nostro gioco".


lunedì 16 aprile 2018

PROMOZIONE Rigori fatali anche nel derby

Il derby infuocato della 29esima giornata del campionato di Promozione termina con il punteggio di 2-1 in favore del Villalba che supera il Guidonia anche grazie a due rigori molto discussi, sul secondo è evidente l´errore dell´arbitro come confermato dalle immagini video. Peccato, zero punti per il Guidonia, autore di una buona prestazione contro la prima della classe. Rigori fatali, come in Coppa Italia contro il Montalto. Peccato anche per i numerosi insulti provenienti dalla tribuna nei confronti della squadra e del nostro capitano, Simone Festa, il migliore in campo anche in questo match. Questo non è il calcio che piace a noi. Domenica la sfida decisiva al "Fiorentini" di Montecelio nello scontro diretto contro il Salto Cicolano per raggiungere il nostro grande obiettivo della salvezza.

VILLALBA-GUIDONIA 2-1

(29esima giornata del campionato di Promozione 2017/2018)

Villalba: Di Stefano, Picano, Casuccio (35´ st Langiotti), Petroccia, Pomposelli, Pulci, Tranquilli (27´ st Panetta), Silvestrini (14´ st De Cenzo) (41´ st Petrucci), Petrangeli (35´ st Valentini), Iannotti, Prioteasa. A disp.: Pagella, Belfiori. All.: Ferranti.
Guidonia: Maiellaro, Talone (8´ st Lori), Festa (35´ st Pasciucco), Narcisi, Pasquetto, Massi, Elasri (24´ st Graziano), Luciani, Toncelli, Macciocchi Al., Lanatà. A disp.: Di Mauro, Alberghini An., Lo Iodice, Paolillo. All.: Alberghini R.
Arbitro: Cianiello di Roma 2.
Marcatori: 32´ pt rig. Petrangeli (Vil), 10´ st Massi (Gui), 19´ st rig. Petrangeli (Vil).
Note: ammoniti Talone (Gui), Massi (Gui), Iannotti (Vil), Panetta (Vil). Angoli: 8-3 per il Guidonia. Recuperi: 1´ per il primo tempo e 4´ per il secondo. Spettatori 350 circa.

VILLALBA DI GUIDONIA (Rm) - Come sempre il derby di ritorno vale molto in termini di classifica e lascia veleni e polemiche: vince il Villalba con due rigori discussi, il secondo accordato su errore dell´arbitro Cianiello di Roma 2. Per il Guidonia il rammarico di una partita giocata a testa alta contro la prima della classe.
La prima vera occasione è per gli ospiti: Festa lancia Toncelli che conclude a lato da ottima posizione di fronte al portiere. Il primo rigore accordato al Villalba al 32´ del primo tempo è per un fallo di mano di Massi in area, su mischia proveniente da angolo, con il centrocampista che si vede sbattere il pallone sul braccio dopo un mancato colpo di testa di un avversario a pochi centimetri. Penalty che Petrangeli trasforma di potenza.
Ottima la reazione del Guidonia nella ripresa, ma Narcisi sbaglia una palla in uscita e Prioteasa può involarsi verso la porta con una conclusione alta. L´ingresso di Lori regala ulteriore vivacità e su una sua palla prolungata si avventa Toncelli che crossa per Massi, la girata è veloce e lascia di sasso Di Stefano per il pareggio guidoniano. Il Guidonia attacca ancora e Lanatà conclude alto dai 20 metri.
Al 19´ il fattaccio: Iannotti vede benissimo Petrangeli e lo serve nel corridoio, bravo l´attaccante a saltare Maiellaro ma dopo alcuni passi e aver visto il pallone troppo lontano decide di lasciarsi cadere. L´arbitro si lascia ingannare dalla simulazione. E´ rigore che lo stesso Petrangeli trasforma con una conclusione angolata.
Nel finale il Villalba chiude benissimo ogni spazio e costruisce con Prioteasa la possibilità di colpire ancora, ma Maiellaro salva in tuffo. Per il Guidonia un tentativo di pallonetto dalla lunga distanza di Luciani che Di Stefano blocca dopo aver recuperato la posizione.
Il recupero vola via e finisce con una sconfitta ingiusta nei modi e nei meriti. A pesare sulla bilancia è quel secondo rigore. Migliore in campo nel Guidonia il capitano Simone Festa, ottima notizia anche dal recupero di Patrizio Lori.
Domenica al "Fiorentini" contro il Salto Cicolano la finale per la salvezza. Servirà un Guidonia perfetto.


sabato 14 aprile 2018

JUNIORES REGIONALI Furia Kwiatkowski sul Casilina, oggi la Valle del Tevere


E' il turno della Valle del Tevere che arriva al “Fiorentini” di Montecelio questo pomeriggio alle 17 e 30 per tentare di cogliere punti importanti contro il Guidonia. Il pareggio dell'andata è un lontano ricordo perché il Guidonia di Pirri ha continuato a viaggiare nelle zone alte della classifica e questo pomeriggio il fattore campo pende dalla parte dei guidoniani che hanno tutte le carte in regola per fare bene e proseguire questo splendido cammino. Intanto, nell'ultimo turno, buone notizie provenienti dall'attacco dove è tornato a segnare l'attaccante classe 2000 di nazionalità polacca, Saimon Kwiatkowski, autore di una splendida tripletta. Mancano sette gare alla fine del campionato del Guidonia che disputerà un match in più del Villalba e del Città di Ciampino che guidano la classifica. Ciampino (oggi in casa dell'Atletico Torrenova) in testa con 47 punti, Villalba (in trasferta nella tana della Tevere Roma) secondo a 45 e Guidonia terzo con una gara in meno a 42.

CASILINA-GUIDONIA 1-3

(23esima giornata del campionato Juniores Regionali 2017/2018)

Casilina: Polacchi (5' st Galati), Valdalo (21' st Dorigo), Casini, Pepas, Domenici, Gozzi, Ochiasu, Zimbro (15' st Cappiello), Di Qurzio (7' st Novembrini), Di Giacomo, Bornivecchi. A disp.: Jurescky, Antonetti, Cherchi. Dir. Acc.: Piccirilli.
Guidonia: Donelli, Mosca (1' st Magno), Felici (18' st De Amicis), Diotallevi, De Santis, Zollo, Esposito, Petrosino (21' st Gjergji), Kwiatkowski (43' st Lanna), Ciaraglia, Caliò (1' st Evangelista). A disp.: Del Pio, Dolciotti. All.: Pirri.
Marcatori: 7' pt Ochiasu (Cas), 44' pt e 6' st e 32' st Kwiatkowski (Gui).
Note: ammoniti Felici (Gui), Mosca (Gui), Bornivecchi (Cas) e Ochiasu (Cas).

ROMA – Il Guidonia resta aggrappato al treno che conta battendo 3-1 il Casilina. Eppure l'inizio non è dei migliori perché al 7' i padroni di casa sono già in vantaggio con la girata di Ochiasu da distanza ravvicinata sul traversone di Pepas. La reazione del Guidonia è in una traversa su punizione di Ciaraglia e in una conclusione alta di Petrosino. Donelli blocca al 24' la punizione di Di Giacomo. Impennata del Guidonia nel finale della prima frazione. Kwiatkowski carica dal limite dell'area e trova il pareggio con una conclusione straordinaria sotto l'incrocio dei pali e poco dopo in spaccata manda a lato il pallone del sorpasso servito da Caliò. La rete è rimandata al 6' della ripresa quando sul lancio di Magno è lo stesso Kwiatkowski con un pallonetto a portare avanti il Guidonia. Cappiello prende la traversa per il Casilina, mentre Evangelista sfiora l'incrocio da buona posizione. Giochi chiusi al 32' con il colpo di testa di Kwiatkowski sulla punizione battuta da Ciaraglia, la punta vola più in alto di tutti e indirizza in porta la sfera per la tripletta personale. Non c'è più tempo per altro: il Guidonia vince e resta in corsa per la vittoria finale.



domenica 8 aprile 2018

PROMOZIONE La domenica dei rimpianti, ko contro il Cantalice


La classica partita che serve a complicare una stagione si materializza al “Fiorentini” di Montecelio dove un pomeriggio “disgraziato” porta al Guidonia una sconfitta preoccupante per la classifica e per la maturità di un gruppo, quest'ultimo troppo docile nei momenti decisivi e cioè sotto la porta avversaria (con forte riferimento ai numerosi “passaggi” al portiere ospite da pochi passi) oppure nella propria area (vedi gli errori sui gol). Le parole in questi momenti servono a poco e potrebbero complicare solo una situazione già difficile. Le prossime partite sono sulla carta fuori dalla portata, gli avversari lotteranno con uno spirito che il Guidonia dovrà dimostrare di avere. Alla società e a tutti i collaboratori il compito di tirare fuori la cattiveria agonistica da questa squadra che produce qualcosa di interessante a livello tecnico ma che potrebbe restare inutile per gli obiettivi finali senza la giusta concentrazione nei momenti che contano, come quelli di fronte in questo mese e mezzo.

GUIDONIA-CANTALICE 0-2

(29esima giornata del campionato di Promozione 2017/2018)

Guidonia: Maiellaro, Talone (41' st Casalenuovo), Alberghini An., Narcisi, Pasquetto, Macciocchi Al. (27' st Lori), Graziano (8' st Ciaraglia), Luciani, Toncelli, Pasciucco, Lanatà. A disp.: Di Maulo, Loiodice, Paolillo, Macciocchi An. All.: Alberghini R.
Cantalice: Pezzotti (47' st Martini), Fusacchia, Agnesi, Cianetti, Salvi, Panitti, Cardini (17' st Ortenzi), D'Aquilio, Papucci (14' st Santarelli), Beccarini, Accardo. A disp.: Piergallini, Patacchiola R. All.: Patacchiola S.
Arbitro: Mattacola di Frosinone.
Marcatori: 29' st rig. Beccarini (Can), 45' st Accardo (Can).
Note: al 32' st Pezzotti (Can) para un calcio di rigore a Toncelli (Gui). Ammoniti Salvi (Can), Agnesi (Can), Pasciucco (Gui). Recuperi: 2' per il primo tempo e 5' per il secondo. Osservato un minuto di raccoglimento per la scomparsa di Aldo Tedone, ex guardalinee internazionale e sostituto giudice del Comitato Regionale Lazio.

MONTECELIO (Rm) – A cinque giornate dalla fine ecco un momento difficile e allo stesso tempo decisivo della nostra stagione perché la sconfitta contro il Cantalice vanifica la rimonta del girone di ritorno (macchiato da un punto nelle ultime tre uscite) e riporta il Guidonia a ridosso della zona play out, risucchiato in un discorso che obiettivamente e calendario alla mano vede i guidoniani seriamente a rischio. Senza la volontà di portare a casa risultati ad ogni costo e la concentrazione massima nel non commettere errori, nel calcio non si portano mai a casa risultati.
La partita contro il Cantalice inizia subito male perché sulla sponda di Pasciucco è Toncelli a deviare a lato da due passi. Il solito straordinario intervento di Maiellaro in uscita, a valanga su Agnesi e la conclusione successiva di Beccarini alta sono le uniche due occasioni costruite dagli ospiti, mentre il Guidonia attacca costantemente. Quando Pasciucco recupera palla in zona offensiva e si porta verso l'area avversaria, conclude a lato di poco. Poco dopo tiro a giro di Toncelli, toccato quel tanto che basta da Pezzotti con la mano di richiamo a deviare in angolo con un volo plastico.
Clamoroso quello che accade nella ripresa. Al 2' Narcisi colpisce il palo di testa, sulla ribattuta si presenta Alessandro Macciocchi ma Pezzotti compie un altro prodigio e ancora Pasciucco manda alto da ottima posizione. Passano altri due minuti e Lanatà serve Toncelli che da ottima posizione non inquadra la porta. Al 22' da posizione defilata Toncelli colpisce una clamorosa traversa. Le squadre sembrano stanche, ma al 29' Ortenzi va via a Talone che lo tocca sulla schiena, è rigore che Beccarini trasforma. Passano tre minuti e anche il Guidonia si ritrova una grossa opportunità per il fallo di mano di Panitti, ma Pezzotti blocca la conclusione debole di Toncelli. Ci prova anche Talone dal fondo con un tiro-cross ma Pezzotti si dimostra ancora una volta reattivo. All'ultimo minuto Accardo approfitta di un controllo sbagliato di Pasquetto e supera Maiellaro con un pallonetto. Nel recupero c'è tempo solo per il palo sfiorato da Luciani.
Domenica torneranno a disposizione Massi e Festa contro il Villalba, oltre ad essere un derby si tratta di un match decisivo per il nostro campionato.

Il minuto di silenzio per Aldo Tedone


sabato 7 aprile 2018

PROMOZIONE Lutto al braccio contro il Cantalice


Giocherà con il lutto al braccio il Guidonia nella sfida di domani pomeriggio contro il Cantalice. La richiesta è stata inoltrata al Comitato Regionale Lazio e già accettata dagli uffici del calcio laziale. La scomparsa di Aldo Tedone, ex guardalinee internazionale negli anni '80 e a seguire sostituto giudice dello stesso Cr Lazio, ha scosso la società che aveva sempre tenuto ottimi rapporti con Tedone. Ieri si sono svolti i funerali presso la Chiesa Santa Maria di Loreto a Guidonia ed il club ha lasciato una sciarpa sulla bara di Aldo, un ricordo che sarà sempre insieme a lui. A 77 anni Aldo ha lasciato due figli (Fabrizio e Chiara). “Lo spazio è poco, ma l'affetto è tanto”, come amava sempre dire Aldo.
Per la 29esima giornata del campionato di Promozione il Guidonia ospita il Cantalice. All'andata un pareggio senza reti tra le due squadre. Calcio d'inizio al “Fiorentini” di Montecelio alle 15, ingresso completamente gratuito. Arbitro dell'incontro Luca Mattacola di Frosinone, assistenti Martina Mazzarella di Ostia Lido e Marco Testana di Albano Laziale. Assenti per squalifica nel Guidonia il capitano Festa e Massi, nel Cantalice stop al bomber Monaco di Monaco.


La sciarpa del Guidonia, un ricordo per sempre per il nostro amico Aldo

giovedì 5 aprile 2018

SETTORE GIOVANILE Il primo acuto dei Giovanissimi Regionali Fascia B


Occorre una grande rimonta che fa parte del dna di questo club per salvare la categoria Giovanissimi Regionali Fascia B. La rincorsa è iniziata con la vittoria in trasferta per 1-0 contro la Nuova Milvia nella gara di recupero. Nel prossimo turno arriva l'Eretum Monterotondo e si tratta di uno scontro diretto per recuperare ulteriori punti. Restano otto partite, quattro di questi scontri diretti.

NUOVA MILVIA-GUIDONIA 0-1

(campionato Giovanissimi Regionali Fascia B – 27 marzo 2018)

Nuova Milvia: Piotti (23' st Deltreste), Bartolomei (11' st Levi), Franceschini (30' st Zanzani), Del Prete (16' st Pasquariello), Candini, Varani (11' st Vargas), Femia (5' st Grisci), Assan, Bazzoffi (5' st Micarelli), Aller, Cremoneti. All.: De Sanctis.
Guidonia: Oeschu, Basilico (11' st Cefarano), Melillo, Bonanni, Barba, Benetti, Pennazza (11' st Reggio), Biancofore, Susino (34' st Santini), Russo, Bianchi. A disp.: Laurenzi, Giammarco, Ciaravola. All.: Della Libera.
Arbitro: Raggi di Roma 1.
Marcatore: 14' st Susino (Gui).
Note: ammoniti Bonanni (Gui) e Assan (Mil). Angoli: 5-4 per la Nuova Milvia. Recuperi: 1' per il primo tempo e 4' per il secondo.

ROMA – Prima vittoria stagionale per i Giovanissimi Regionali Fascia B del Guidonia che sono ancora in tempo per salvare la categoria. Il successo arriva in casa della Nuova Milvia, contro ogni pronostico. Decide la sfida un gran gol di Susino, per tre punti meritati.
Partono meglio infatti gli ospiti che al 6' sfiorano la rete con il colpo di testa di Susino che sfiora il palo. Sul finire della prima frazione si fanno vedere i locali con la punizione dalla distanza di Aller respinta di piede da Oeschu e con il colpo di testa alto di Varani.
Nel secondo tempo una punizione di Bonanni sfiora la traversa regalando ancora una volta una grande illusione al Guidonia. La rete decisiva arriva al 14' con Susino che controlla da fuori area e manda all'angolino più lontano con una conclusione chirurgica. La Nuova Milvia si butta all'attacco e Cremonesi si invola verso la porta, ma Oeschu è formidabile nel salvataggio e si ripete dall'angolo sul colpo di testa di Candini. Il Guidonia non resta a guardare e sfiora il raddoppio con il colpo di testa centrale di Susino e la conclusione pericolosa di Benetti, tra i migliori in campo.
Oltre allo splendido risultato una prestazione che lascia ben sperare per il finale del campionato da parte del Guidonia.



domenica 25 marzo 2018

PROMOZIONE Vicovaro, grande prestazione contro il Guidonia


Il Guidonia cade a Vicovaro. Troppe assenze e alcuni episodi sfavorevoli oltre alla superiorità dell'avversario sul 3-0 finale. Al rientro dalla sosta, contro il Cantalice, mancherà anche Massi per squalifica oltre a Festa. Importante recuperare gli altri giocatori in queste due settimane per una partita decisiva per la nostra stagione.

VICOVARO-GUIDONIA 3-0

(28esima giornata del campionato di Promozione 2017/2018)

Vicovaro: Maiorani F., Porzio, Romeo, Kante (39' st Curica), Figlioli (25' pt Colantoni), Maraschio, Trenta, Niro, Neri (29' st Grassi), Maiorani C., Rosi. A disp.: Moltoni, Moroni, Grassi, Ceccarelli. All.: Vicalvi.
Guidonia: Maiellaro, Macciocchi Al., Alberghini An., Narcisi, Pasquetto, Massi (27' st Casalenuovo), Loiodice (9' st Talone), Luciani, Toncelli, Ciaraglia, Lanatà. A disp.: Di Maulo, Evangelista, Graziano, Kwiatkowski, Alessandrini. All.: Alberghini R.
Arbitro: Giannotti di Roma 1.
Marcatori: 34' pt Neri (Vic), 44' pt Niro (Vic), 20' st Trenta (Vic).
Note: ammoniti Maiellaro (Gui), Macciocchi An. (Gui), Massi (Gui), Talone (Gui), Maraschio (Vic), Rosi (Vic). Recuperi: 2' per il primo tempo e 3' per il secondo.

VICOVARO (Rm) – Il Vicovaro torna a fare la voce grossa e regola senza problemi un Guidonia fortemente rimaneggiato. Dopo otto minuti Trenta ha già l'occasione giusta per portare in vantaggio i suoi, ma Alessandro Macciocchi salva il pallone destinato in fondo al sacco. La risposta degli ospiti è in una pericolosa conclusione di Lanatà che lambisce il palo. La gara si sblocca al 34' quando Porzio serve Neri nell'area piccola, uscita di Maiellaro sui piedi della punta che va a terra. Dagli undici metri si presenta Neri, il portiere respinge la prima conclusione ma l'attaccante segna sulla ribattuta. Su punizione Rosi sfiora subito il raddoppio. Dalla parte opposta grande visione di gioco di Ciaraglia che lancia Luciani, il quale sfiora il montante. Sul finire della prima frazione il colpo del ko per il Guidonia, Narcisi sembra subire ma l'arbitro lascia proseguire e Trenta allarga per Niro, conclusione precisa e raddoppio del Vicovaro. Guidonia sbilanciato nel secondo tempo. Al 2' Trenta dribbla Maiellaro e calcia in porta, prodigioso il recupero di Andrea Alberghini. Maiellaro con un balzo felino dice ancora di no a Neri in controtempo. Al 20' contropiede di Trenta che si accentra e in diagonale porta a tre i gol del Vicovaro. Finale d'orgoglio del Guidonia e Maiorani è costretto a salvare in tuffo su Luciani e Lanatà e a deviare sul palo la conclusione ravvicinata di Alessandro Macciocchi. Ultima occasione il tiro centrale di Ciaraglia, respinge Maiorani con Andrea Alberghini che calcia alto. Vicovaro che torna in corsa per i play off, Guidonia che dovrà sudare ancora per evitare i play out.